Comuni > Sciacca > Riserva Naturale di Monte S.Calogero

Riserva Naturale Integrale di Monte S. Calogero

Situata sul Monte Kronio (m. 388), la Riserva Naturale Integrale di Monte S. Calogero domina con la sua pineta la città; essa tutela un complesso ipogeico costituito da cinque grotte principali: Lebbroso, Mastro, Cucchiara, Gallo, e le più famose Stufe di S.Calogero, all'interno delle quali fuoriescono flussi vaporosi terapeutici.  Il nome della riserva deriva dalla credenza popolare che in una delle grotte del Monte Kronio abbia trovato ritiro S. Calogero: il più celebre e venerato santo dell’agrigentino. Le grotte furono abitate già in epoca preistorica (i reperti sono conservati presso il vicino Antiquarium) e frequentate fin dall'età greca. A piedi del Monte Kronio-S.Calogero si trova il “Castello Incantato”: un uliveto in cui si trovano centinaia di suggestive teste scolpite sulla roccia o su tronchi d’olivo da un singolare artista contadino, Filippo Bentivegna, scomparso negli anni ’60.

Sciacca

Distanza da Agrigento km 73; abitanti 40.000 ; altitudine m. 60

Sciacca è un centro turistico di primaria importanza, rinomato per le virtù terapeutiche delle sue sorgenti termali, la produzione di pregiate ceramiche, le sue spiagge, e il suo sontuoso Carnevale: uno fra i più belli e antichi della Sicilia. Frequentata già dai greci di Selinunte, poi dai romani che la chiamavano, appunto, Thermae Selinuntinae, furono gli arabi che le diedero l’attuale nome (da as-saqqah = fenditura) e l’impianto urbano islamico, ancora evidente in alcuni quartieri.  In epoca normanna fu cinta da imponenti mura difensive e, nei secoli seguenti, si arricchì di splendidi monumenti di carattere civile, militare e religioso che ancora oggi impreziosiscono il suo centro storico. Sul Monte Kronio, a ridosso della città, la Riserva Naturale Integrale di Monte S.Calogero, tutela un complesso di grotte di interesse sia naturalistico che archeologico. A piedi del Monte Kronio-S.Calogero si trova il “Castello Incantato”: un uliveto in cui si trovano centinaia di suggestive teste scolpite sulla roccia o su tronchi d’olivo da un singolare artista contadino, Filippo Bentivegna, scomparso negli anni ’60.
Oltre al Carnevale, la Sagra del Mare e La Festa della Madonna del Soccorso, sono le feste tradizionali più interessanti del luogo.

Cosa vedere: Centro storico: Steripinto, Castello dei Luna, mura di cinta e porte della città, Chiesa di S.Nicolò la Latina, Duomo, Chiesa di S.Margherita; Riserva Naturale Integrale Monte S.Calogero ( Monte Kronio), Antiquarium, “Castello incantato”. Spiagge di Capo San Marco e Sovareto.

Cosa gustare: piatti tipici a base di pesce fresco locale, fra tutti , la sogliola alla saccense, vini DOC.

Prenota Online il tuo Albergo
WebTV
Farm Cultural Park