Comuni > Sciacca > Monumenti di Sciacca

Chiese e monumenti di Sciacca

Sciacca è ricca di pregevoli testimonianze storiche, edifici monumentali e chiese. Lo Steripinto, del 1501, è una rara costruzione in stile plateresco (dallo spagnolo plata =argento), con una facciata decorata con conci a punta di diamante, che ricorda certi palazzi in stile catalano a Barcellona e il palazzo dei diamanti di Ferrara. Se poco avanza del castello costruito dai normanni, ben più cospicue sono le vestigia del Castello dei Luna (costruito dalla nobile famiglia Peralta alla fine del secolo XIV) delle mura di cinta e delle porte d’accesso alla città.  Fra le diverse pregevoli chiese, la Chiesa di S.Nicolò la Latina è la più antica (sec. XII), e mostra ancora l’originaria struttura normanna; il Duomo, dedicato a S.Maria Assunta, venne fondato nella stessa epoca ma è stato ricostruito nella metà del XVI sec. ricevendo così un’impronta barocca. Anche la Chiesa di S.Margherita, fondata nel 1342, presenta una commistione di stili risalenti a epoche diverse.

Sciacca

Distanza da Agrigento km 73; abitanti 40.000 ; altitudine m. 60

Sciacca è un centro turistico di primaria importanza, rinomato per le virtù terapeutiche delle sue sorgenti termali, la produzione di pregiate ceramiche, le sue spiagge, e il suo sontuoso Carnevale: uno fra i più belli e antichi della Sicilia. Frequentata già dai greci di Selinunte, poi dai romani che la chiamavano, appunto, Thermae Selinuntinae, furono gli arabi che le diedero l’attuale nome (da as-saqqah = fenditura) e l’impianto urbano islamico, ancora evidente in alcuni quartieri.  In epoca normanna fu cinta da imponenti mura difensive e, nei secoli seguenti, si arricchì di splendidi monumenti di carattere civile, militare e religioso che ancora oggi impreziosiscono il suo centro storico. Sul Monte Kronio, a ridosso della città, la Riserva Naturale Integrale di Monte S.Calogero, tutela un complesso di grotte di interesse sia naturalistico che archeologico. A piedi del Monte Kronio-S.Calogero si trova il “Castello Incantato”: un uliveto in cui si trovano centinaia di suggestive teste scolpite sulla roccia o su tronchi d’olivo da un singolare artista contadino, Filippo Bentivegna, scomparso negli anni ’60.
Oltre al Carnevale, la Sagra del Mare e La Festa della Madonna del Soccorso, sono le feste tradizionali più interessanti del luogo.

Cosa vedere: Centro storico: Steripinto, Castello dei Luna, mura di cinta e porte della città, Chiesa di S.Nicolò la Latina, Duomo, Chiesa di S.Margherita; Riserva Naturale Integrale Monte S.Calogero ( Monte Kronio), Antiquarium, “Castello incantato”. Spiagge di Capo San Marco e Sovareto.

Cosa gustare: piatti tipici a base di pesce fresco locale, fra tutti , la sogliola alla saccense, vini DOC.

Prenota Online il tuo Albergo
WebTV
Farm Cultural Park